Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

IZSLT: avviata l’attività di sorveglianza genomica di SARS-CoV-2

L’IZSLT con le sue Strutture Complesse Direzione Operativa Virologia e Direzione Operativa Diagnostica Generale, ha iniziato l’attività di sequenziamento dei virus SARS-CoV-2, con l’obiettivo di contribuire alla sorveglianza genomica delle varianti dell’agente eziologico del Covid-19 nel contesto del network regionale coordinato da INMI – Spallanzani, e come parte integrante dell’attività di sorveglianza sull’intero territorio italiano.

Questa sorveglianza permette una più accurata valutazione della rilevanza di casi individuali e di focolai dovuti a varianti di particolare valenza epidemiologica (ad esempio le c. d. Variante Inglese, Variante Sudafricana, Variante Brasiliana).
Incrementare le capacità di sorveglianza genomica contribuisce ad attuare in modo più rapido e consapevole la pianificazione e la programmazione degli interventi di sanità pubblica a livello territoriale.

L’impegno dell’IZSLT nella caratterizzazione completa delle possibili varianti del virus riscontrate nei “campioni positivi” (tamponi di soggetti con infezione in corso), si inquadra nell’ambito delle attività raccomandate dalla circolare n.644 del Ministero Salute dell’08/01/2021 “Indicazioni operative relative al rischio di diffusione di nuove varianti SARS-CoV2 in Unione europea/Spazio Economico Europeo (UE/SEE): misure di prevenzione per i viaggiatori e sorveglianza di laboratorio”.
Riprende inoltre le raccomandazioni del WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) circa:

il rischio di diffusione, specialmente in Italia ed in EU, di varianti particolarmente rilevanti del virus (ad es. varianti rilevanti per aumentate capacità di trasmissione o per la capacità di evadere anche in modo parziale l’immunità acquista in seguito ad infezione naturale o vaccinazione) https://www.ecdc.europa.eu/sites/default/files/documents/COVID-19-risk-related-to-spread-of-new-SARS-CoV-2-variants-EU-EEA-first-update.pdf;

le metodologie scientifiche per tracciare le varianti del virus nello spazio e nel tempo https://www.ecdc.europa.eu/sites/default/files/documents/Sequencing-of-SARS-CoV-2-first-update.pdf).

Le sequenze ottenute da tale attività saranno depositate presso banche dati di consenso internazionale, ad accesso libero, e a disposizione degli scopi scientifici e di sorveglianza epidemiologica globale nei confronti della pandemia da SARS-CoV-2.
Esse saranno contemporaneamente condivise con i preposti Enti regionali e nazionali, secondo quanto previsto dalle circolari del Ministero Salute.

 



Whatsapp Share