Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
Toscana

Peste suina africana: aggiornamenti. Focus su Lazio e Toscana – Webinar 27 gennaio. Le presentazioni

Titolo: Peste suina africana: aggiornamenti. Focus su Lazio e Toscana
Programma.
Presentazioni dei relatori.

Chi fosse interessato a ricevere la registrazione del webinar  può richiederla tramite email all’indirizzo enrica.sarrecchia@izslt.it

Data: webinar 27 gennaio 2022, ore 09.00

Organizzatore: Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana, in collaborazione con Regioni Lazio e Toscana

Destinatari: medici veterinari, biologi e tecnici della prevenzione delle ASL del Lazio e della Toscana,  dell’IZS Lazio e Toscana e liberi professionisti.

L’incontro, nato dall’esigenza di aggiornamento degli operatori del SSN e dei professionisti del settore circa l’andamento dell’infezione da PSA, segnalata in Italia dal 7 gennaio 2022 dopo decenni, è stato seguito da più di 200 persone.

Oltre a rappresentare le caratteristiche della malattia, i relatori si sono soffermati soprattutto sullo stato delle Regioni Lazio e Toscana rispetto alla attuale situazione epidemiologica, che non registra alcun caso, ma che prevede misure e interventi atti a prevenire la comparsa.

 

4 dicembre. Zootecnia toscana tra tradizione & innovazione – Webinar

Venerdì 4 dicembre (dalle 09:00 alle 13:00) si terrà sulla piattaforma Zoom il  webinar – Zootecnia toscana. Tra tradizione e innovazione – in cui saranno presentati e discussi alcuni dei principali progetti di innovazione nel campo della zootecnia.
Programma.

I lavori saranno aperti dal Direttore di Coldiretti Toscana Angelo Corsetti, a cui farà seguito un intervento di Claudia Fedi (Responsabile dell’ufficio progettazione CAICT Coldiretti Toscana) sulle opportunità offerte dal Programma di Sviluppo Rurale della Toscana.

A questo punto la mattinata entrerà nel vivo con la presentazione dei Gruppi Operativi GO-CARD e GO VITOSCA, del PIF BUONACARNE, del progetto BENCARNI e della FILERA BOVINITALIA.

I progetti dei gruppi GO-CARD, “Una coltura a basso impatto ambientale per la riqualificazione delle aree marginali e l’introduzione di farine proteiche locali nella mangimistica bovina”PIF BUONACARNE e progetto BENCARNI, “Il benessere animale come strumento per la valorizzazione della filiera toscana“, vedono tra i partner ricercatori del nostro Istituto

Seguiranno gli interventi di Roberto Nocentini (Presidente dell’Associazione Italiana Allevatori) e di Luca Panichi (Presidente dell’Associazione Nazionale Bovini Italiani Carne). Le conclusioni saranno affidate al Presidente di Coldiretti Toscana Fabrizio Filippi.

La partecipazione è GRATUITA. Per motivi organizzativi è necessario ISCRIVERSI contattandoci via e-mail caict.formazione.toscana@coldiretti.it oppure allo 055 32357212

(fonte Coldiretti Toscana)

1 dicembre – Inaugurazione punto informativo dell’Osservatorio toscano biodiversità, l’ intervento dell’ Istituto

 

Giuliana Terracciano, veterinaria dell’ Unità’ Operativa Complessa Toscana Nord dell’IZS Lazio e Toscana, ha illustrato l’attività sanitaria su cetacei e tartarughe marine sulle coste della Toscana in occasione dell’ inaugurazione del punto informativo.

La diretta streaming e’ disponibile sul canale youtube del Museo di storia naturale di Pisa (Calci) , al seguente indirizzo:


Il  programma  prevede diversi interventi di esperti e di autorità,  con spazio al termine dell’incontro, alle domande dei partecipanti al termine dell’incontro.

Il punto informativo è struttura istituita dalla Regione Toscana con compiti di supporto al Santuario dei mammiferi marini Pelagos e alla rete toscana di spiaggiamenti e avvistamenti, con obiettivi anche turistici di diffusione di informazioni e buone pratiche. (Unipi)

La locandina del programma:

 

 

La sorveglianza entomologica – 14 luglio 2020. Le presentazioni.

Evento formativo in videoconferenza:
La sorveglianza entomologica
“Piano nazionale di prevenzione, sorveglianza e risposta alle arbovirosi (PNA 2020-2025)” e progetto “organizzazione di una rete entomologica    per la Regione Toscana a tutela della salute pubblica (2019-2021)”

Data: 14 luglio;
Programma.

Presentazioni dei relatori.

Organizzatori: IZS Lazio e Toscana e Regione Toscana;
Destinatari: medici, veterinari, tecnici della prevenzione, biologi e tecnici di laboratorio dei dipartimenti di prevenzione della Regione Toscana;

L’iniziativa, a cui hanno partecipato 40  professionisti delle ASL toscane,  ha costituito la parte teorica di un percorso formativo più ampio,  finalizzato alla acquisizione di conoscenze e capacità per l’effettuazione  delle attività entomologiche previste dal Piano Nazionale Arbovirosi 2020-2025.
Al corso in videoconferenza seguiranno delle giornate applicative sul campo.

Individuazione dell’Osservatorio Epidemiologico in Sanità Pubblica Veterinaria della Regione Toscana

La Regione Toscana (delibera N. 926 del 20 luglio 2020) ha individuato presso la Sede di Siena dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana l’Osservatorio Epidemiologico in Sanità Pubblica Veterinaria della Regione Toscana.

L’atto rappresenta la formalizzazione di una realtà operativa da circa 14 anni, nei quali il Dott. Massimo Mari, dirigente veterinario, e i suoi colleghi e collaboratori hanno supportato le attività di programmazione e rendicontazione della Regione Toscana e delle ASL nelle aree della sanità animale e della sicurezza alimentare, svolto attività formativa e collaborato all’impostazione e realizzazione di progetti di ricerca.

L’impegno è stato sostenuto anche dalla costante collaborazione e integrazione con l’Osservatorio Epidemiologico della Regione Lazio dell’IZSLT, con il quale continuerà ad operare in sinergia.

 

Le funzioni dell’Osservatorio si concentrano nelle seguenti attività:

– collaborazione e supporto nella predisposizione , monitoraggio, rendicontazione e trasmissione di dati aggregati e di dettaglio alle Autorità Competenti di livello superiore (Regione, Ministero, EFSA, EU) in adempimento ai debiti informativi stabiliti dalle norme

– collaborazione e supporto epidemiologico nel corso di eventi morbosi

– collaborazione e supporto nella predisposizione di piani di campionamento nella sicurezza alimentare e sanità animale

– sviluppo, gestione e manutenzione di applicativi  e programmi informatici dedicati alla Sanità Pubblica Veterinaria

– supporto alla programmazione ed esecuzione di attività formative in materia di Sanità Pubblica Veterinaria

– integrazione con l’Officina Farmaceutica dell’Istituto

L’istituzione dell’Osservatorio consente così di rafforzare il ruolo dell’Istituto come riferimento costante per la Regione su tutto ciò che concerne la valutazione e programmazione delle attività nel campo della Sanità Pubblica Veterinaria, consolidando il rapporto con il territorio e i portatori d’interesse.