Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
Forum Risk Management

“One health: dall’idea alla realtà. Covid 19: Nuove sfide per gli Istituti Zooprofilattici”, webinar 17 dicembre: i contenuti

Premessa

A partire dal marzo 2020 gli Istituti Zooprofilattici sono stati coinvolti nelle attività di diagnostica del Covid 19, sino a raggiungere volumi di lavoro rilevanti e, in alcuni casi, nuovi assetti organizzativi.

Si è quindi configurata nella realtà il concetto di one health, da anni focus di riflessione.

Nello stesso tempo si è aperto un nuovo spazio nella programmazione degli Istituti, che pone degli interrogativi per il futuro rispetto al mondo della sanità pubblica, anch’esso in corso di cambiamento.

 

L’evento

Programma

Il Direttore Generale (DG) dell’IZS Lazio e Toscana Ugo Della Marta e Pierdavide Lecchini del Ministero della Salute hanno aperto i lavori, moderati da Umberto Agrimi dell’Istituto Superiore di Sanità.

 

Giuseppe Ippolito, dell’Imi Spallanzani e membro del CT, ha espresso un plauso alla mobilitazione degli Istituti Zooprofilattici a supporto delle attività diagnostiche per Covid 19 e ha evidenziato le potenzialità degli stessi in altre attività inerenti, come il sequenziamento del genoma del SARS-COV2.

 

Il coordinatore degli Istituti Zooprofilattici e DG dell’IZS del Mezzogiorno, Antonio Limone, ha richiamato ancora una volta gli altri colleghi ad una maggior coesione e progettualità tra i diversi Istituti; concetto sottolineato anche da Angelo Ferrari, DG dell’IZS Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, che nello stesso tempo ha ricordato la flessibilità e tempestività d’azione che da sempre caratterizza gli Istituti.

 

L’importante esperienza, ancora in corso, di diagnostica di laboratorio del virus SARS-COV2 in tamponi umani maturata dall’IZS Lombardia ed Emilia Romagna e dall’IZS Abruzzo e Molise, è stata illustrata dai rispettivi DG, Piero Frazzi e Nicola D’Alterio.
L’IZS Lazio e Toscana ha invece allestito, a fianco delle attività di diagnostica di laboratorio, un servizio di Drive-In, in cui la cittadinanza può sottoporsi all’esecuzione del tampone per test rapido e molecolare, come presentato da Andrea Leto, Direttore Sanitario di questo Istituto.

 

Ampio spazio è stato dedicato alla ricerca scientifica, dove la Direttrice Sanitaria dell’IZS delle Venezie, Gioia Capelli, e il ricercatore Calogero Terregino del medesimo Istituto, hanno descritto i risultati dell’attività di ricerca svolta in laboratorio, come il sequenziamento del genoma del virus SARS-CoV-2 circolante in Veneto, mentre il ricercatore dell’IZS Puglia e Basilicata Antonio Parisi, ha esposto l’attività che ha portato al sequenziamento del genoma di ceppi del virus SARS-CoV-2 circolanti nelle zone della Puglia e della Basilicata.

 

L’incontro, coordinato vivacemente da Umberto Agrimi, è stato concluso da Marco Ianniello del Ministero della Salute, che è ritornato sul concetto di One Health e di quanto appartenga agli Istituti Zooprofilattici e alla loro operatività.

Si sono registrati sino a  180 contatti nel corso dell’iniziativa.

Gli Istituti Zooprofilattici al Forum Risk Management: “La nuova legislazione europea per la sicurezza alimentare ed il benessere animale” – Le presentazioni – Firenze, 29 novembre

Anche quest’anno gli Istituti Zooprofilattici (IIZZSS) hanno partecipato al Forum Risk Management in Sanità , l’appuntamento di riferimento per il panorama della Sanità nazionale, il momento di incontro tra tutti gli operatori del settore,  svolto dal 26 al 29 novembre, a Firenze,  presso la Fortezza da Basso.

Per tutta la durata della manifestazione  gli  Istituti zooprofilattici sono stati  presenti con uno stand espositivo allestito per i visitatori che hanno potuto   ricevere informazioni, risposte e approfondimenti  sui temi di sanità animale e sicurezza alimentare, salute dell’uomo e degli animali.

 

Venerdì 29  nella sala Minerva dalle 9.00 alle 13.30  si è tenuto   il convegno “Nuova legislazione europea per la sicurezza alimentare ed il benessere animale”  organizzato dagli Istituti in collaborazione con il  Ministero della Salute. (scarica il programma).

Alla vigilia  della piena applicabilità  del Regolamento (UE) 2017/625: sui controlli ufficiali lungo la filiera agroalimentare (prevista per il 14 dicembre)  ovvero  in considerazione della prossima entrata in vigore del nuovo sistema dei controlli ufficiali,   la mattinata  ha focalizzato  l’attenzione su argomenti di grande attualità e rilevanza  per la sanità veterinaria  e la sicurezza degli alimenti. Esperti ed autorevoli relatori hanno offerto  aggiornamenti e spunti  propedeutici, la  tavola rotonda ,   “Nuova legislazione europea: quali impatti per la salute dell’uomo, degli animali e per i mercati?”,  ha avviato  in aula  un confronto con tutte le parti interessate, dalle istituzioni sanitarie centrali e regionali, ai rappresentanti della produzione e dei consumatori,   alla FNOVI (Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani) e al SiVeMP (Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica). Numerosa ed importante la partecipazione  per l’evento, che ha coinvolto il pubblico in sala grazie all’interesse suscitato dalle relazioni ed interventi  e alle tematiche di attualità  proposte durante l’intera mattinata.

Presentazioni: Zilli R., Prof. D’Ascenzi C. e Dott.ssa Rolandi S..