Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
Centro di referenza nazionale per l'antibioticoresistenza

“Workshop Annuale del Laboratorio Nazionale di Riferimento per l’Antibioticoresistenza e del Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza 2020”, 14-15-16 dicembre

Data: 14, 15, 16 dicembre 2020.
Organizzazione: IZS Lazio e Toscana, Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza.
Destinatari: medici veterinari, medici chirurghi, farmacisti, biologi, tecnici di laboratorio biomedico, chimici, tecnici della prevenzione e altre figure professionali interessate.
Programma.
ECM: 9,1 crediti.
Iscrizioni tramite Portale della Formazione dell’IZS Lazio e Toscana.

Anche quest’anno, nonostante i vincoli imposti dalla attuale situazione sanitaria, il Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza dell’IZS Lazio e Toscana assolve al suo impegno formativo e informativo relativo ad una problematica sempre più stringente quale l’Antibioticoresistenza.

Si spazierà da dati circa la vendita e il consumo dei farmaci, al panorama europeo, ad esperienze di uso prudente dei farmaci in veterinaria, sino ad aspetti innovativi nello studio e nella diagnostica di laboratorio. Non mancherà la panoramica sul contesto della medicina umana ed ampio spazio sarà dedicato alla cospicua attività di ricerca e innovazione svolta nel settore.

Gli argomenti saranno trattati dai professionisti e ricercatori del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, dell’ IZS Lombardia ed Emilia Romagna  e dell’IZS Lazio e Toscana.

 

 

Giornata europea degli Antibiotici

La Giornata europea degli Antibiotici istituita nel 2008 dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC ) è un’iniziativa europea di sanità pubblica che si svolge ogni anno il 18 novembre.

La principale finalità è quella di sensibilizzazione sull’importante rischio rappresentato dalla resistenza agli antibiotici, nonché sull’uso prudente degli antibiotici stessi.

I dati più recenti confermano che nell’Unione europea il numero di pazienti infetti da microorganismi resistenti è in aumento e che il fenomeno è uno dei più preoccupanti per la salute pubblica.

L’uso prudente di questi farmaci può contribuire a fermare l’insorgenza dei batteri resistenti e ad aiutare a mantenere la loro efficacia e essere utilizzati anche dalle generazioni future.

Come è noto, l’esercizio e l’attitudine all’uso prudente e razionale degli antibiotici rivestono particolare importanza anche nel settore delle produzioni animali e degli animali da compagnia, in un’ottica di “One Heath” e di mitigazione del trasferimento di agenti antibioticoresistenti e di elementi genetici di antibioticoresistenza tra animali e Uomo.

Presso  la sede  della UOC D. O. Diagnostica Generale, è operativo il Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza – National Reference Laboratory for Antimicrobial Resistance, nel  sito  troverete i nostri aggiornamenti e la documentazione sul fenomeno negli animali e nell’uomo.

Workshop del Centro Nazionale di Referenza per l’Antibioticoresistenza e del National Reference Laboratory for Antimicrobial Resistance – 2019 – Roma, 22 novembre 2019

Data: 22 novembre 2019
Sede: IZS Lazio e Toscana, Roma, Via Appia Nuova 1411
Destinatari: veterinari, biologi, chimici, medici, farmacisti e tecnici di laboratorio biomedico che operano negli II.ZZ.SS., nel Ministero della Salute, nelle ASL e nelle Regioni del territorio Nazionale
ECM: in corso di accreditamento
Iscrizioni: tramite Portale della Formazione dell’IZS Lazio e ToscanaBROCHURE Workshop Programma

Il Centro Nazionale di Referenza per l’Antibioticoresistenza dell’IZS Lazio e Toscana organizza anche quest’anno l’appuntamento di aggiornamento sul fenomeno dell’antibioticoresistenza nelle produzioni animali, a pochi giorni dalla Giornata Europea degli Antibiotici del 18 novembre.

Principali argomenti in programma:

  • situazione attuale del fenomeno dell’Antibioticoresistenza, in termini di emergenza, diffusione ed epidemiologia, nelle produzioni animali in EU ed in Italia;
  • attività istituzionali e di servizio pubblico svolte dal Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza, NRL-AR;
  • attualità e problematiche del servizio diagnostico relativo ai test di sensibilità agli antibiotici.

“Pillole per il veterinario”: una nuova rubrica per un uso prudente degli antibiotici

Nelle pagine tematiche del Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza, National Reference Laboratory for Antimicrobial Resistance, è stata pubblicata un’ulteriore sezione “Pillole per il Veterinario Pratico” , che si aggiunge alle altre già presenti.

“Pillole per il Veterinario” è anch’essa una sottosezione dinamica, in cui  sono trattate alcune questioni relative alle caratteristiche e all’uso appropriato delle varie classi di antibiotici, in funzione di una maggior consapevolezza dei veterinari nella loro pratica quotidiana.

Target principale è il veterinario pratico, ma anche i laboratori degli IIZZSS, sia per la diagnosi di laboratorio delle malattie infettive degli animali che per i test di sensibilità  verso gli agenti batterici isolati, causa di malattia.

Disponibile il “Vademecum per un uso prudente e razionale degli antibiotici nelle produzioni zootecniche”

a cura del Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza e National Reference laboratory for antimicrobial resistance dell’IZS Lazio e Toscana.

Vademecum scaricabile.

L’Antibioticoresistenza costituisce  un problema emergente anche nel settore agro-zootecnico, per le implicazioni di Salute Animale e per le possibili conseguenze di Sanità Pubblica.

L’insorgenza di popolazioni batteriche antibioticoresistenti negli animali rappresenta un serio rischio, poiché queste possono diffondere anche all’Uomo attraverso l’ambiente o gli alimenti di origine animale.

Questo problema ha assunto negli anni un’importanza crescente, fino a spingere l’Unione Europea a considerare la resistenza agli antibiotici alla stregua di una zoonosi (malattia trasmissibile all’Uomo), e prevedere piani di monitoraggio e di intervento nelle produzioni primarie e lungo le filiere degli alimenti di origine animale.

Il Vademecum si propone di fornire al mondo zootecnico  una serie di raccomandazioni e misure pratiche per un uso prudente degli antibiotici, al fine  di prevenire e/o ridurre la selezione di batteri antibioticoresistenti nelle popolazioni animali.