Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
benessere animale

Bencarni: un progetto di valorizzazione della filiera carne toscana

Cooperativa Agricola Firenzuola , Università degli Studi di Firenze DIAGRI, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana e Impresa Verde Toscana Srl insieme in un progetto di valorizzazione della carne toscana, con particolare riferimento agli allevamenti del Mugello.

L’ Opuscolo“Il benessere animale come strumento per la valorizzazione della filiera Carne Toscana”,  scaturito dal progetto,  traccia un percorso  con numerose tappe:  dalla valutazione e miglioramento del benessere animale, agli  interventi per mitigare le conseguenze del riscaldamento globale sugli animali, passando per l’importanza della linea vacca-vitello, al binomio benessere-biosicurezza,  sino ai sistemi per misurare l’impatto ambientale delle aziende zootecniche (es. emissioni) per finire con un focus sul consumatore,  sempre più sensibile verso la protezione dell’ambiente, l’equità sociale ed il benessere animale.

 

“Focus sulla conoscenza”: disponibili tutte le presentazioni dei seminari

Nel I semestre di quest’anno il personale e i ricercatori dell’IZS Lazio e Toscana hanno presentato argomenti scientifici di attualità nelle aree della sanità e benessere animale, sicurezza alimentare, igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, metodi di laboratorio, tutte frutto delle attività di diagnostica e di ricerca svolte.

I seminari, sotto forma di webinar e aperti all’esterno dell’Istituto, hanno registrato una elevata partecipazione e interesse.

Scarica le presentazioni:

Elenco

 

API e AMBIENTE: edito il nuovo volume “Good beekeeping practices for sustainable apiculture” a cura di FAO, IZSLT, Apimondia e CAAS

Le api svolgono un ruolo importante nel mantenimento della biodiversità, garantiscono la sopravvivenza di molte piante e la sostenibilità ambientale, favoriscono la rigenerazione delle foreste, l’adattamento ai cambiamenti climatici , migliorando la qualità e la quantità dei sistemi di produzione agricola. In effetti, quasi il 75% delle colture mondiali che producono frutti e semi per il consumo umano dipende, almeno in parte, dagli impollinatori sia per quanto riguarda la resa anche la qualità delle produzioni.
Con il termine APICOLTURA, si fa riferimento alla gestione pratica delle specie di api sociali. Questi i temi sviluppati nel nuovo volume “Good beekeeping practices for sustainable apiculture”,  una raccolta di informazioni e suggerimenti utili per la gestione sostenibile delle api in tutto il mondo.

Il lavoro, sviluppato nell’ambito dei progetti editoriali FAO- serie “Animal Production and Health Guidelines”, è frutto della collaborazione di FAO, IZSLT, Apimondia e CAAS.

Sarà presentato al pubblico il 29 ottobre pv.

Accordo quadro di collaborazione Fondazione CMCC – IZSLT “One Health: la partnership italiana per un approccio integrato al tema della salute”

Persone, ecosistemi e animali: sono strettamente interconnessi e la salute è tema estremamente attuale e cruciale di questo complesso legame. Dalla ricerca avanzata e multidisciplinare nascono attività congiunte per una migliore conoscenza delle interdipendenze tra cambiamenti climatici, salute e sostenibilità nel contesto degli allevamenti zootecnici.

Nasce “Sostenibilità, Economia Circolare e One Health”, Accordo Quadro di Collaborazione tra Fondazione CMCC – Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici e Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana “M. Aleandri”.

 

È ormai ampiamente riconosciuto come il benessere dell’uomo e degli animali sia strettamente collegato all’ambiente e ai cambiamenti climatici.

 

La perdita di biodiversità e il degrado degli ecosistemi naturali rappresentano una minaccia per la salute e la qualità della vita, evidenziando la sempre più urgente necessità di un approccio intersettoriale e inclusivo per affrontare le sfide per la salute di oggi e del futuro.
La pandemia da COVID-19 ha avuto ripercussioni significative sui sistemi zootecnici e agroalimentari: ne emerge l’importanza di una gestione sostenibile e attenta a salute, ambiente, sicurezza, nella più vasta prospettiva dell’One Health e della circolarità.

 

È in questo contesto che la Fondazione CMCC (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana “M. Aleandri” (IZSLT) hanno stipulato l’Accordo Quadro di Collaborazione “Sostenibilità, Economia Circolare e One Health” come promozione e incentivo alla ricerca, alle sue applicazioni e relativa divulgazione dei risultati.

Attraverso l’Accordo si formalizza la collaborazione tra i due istituti per realizzare congiuntamente attività scientifiche, l’organizzazione di corsi di formazione, lo scambio di expertise, la promozione e l’attivazione di altre iniziative, in relazione ad aree tematiche di interesse comune, che includono in particolare:

  • la salute e la sostenibilità degli allevamenti zootecnici, l’economia circolare nelle produzioni zootecniche e i feedback tra cambiamenti climatici e gli allevamenti, le produzioni e il benessere degli animali;
  • l’influenza delle variabili meteo-climatiche sulla diffusione di alcune malattie infettive e/o parassitarie che colpiscono gli animali, con particolare attenzione a quelle trasmesse da vettori.

“È evidente ormai come i cambiamenti climatici abbiano un ruolo cruciale sugli ecosistemi terrestri e sulle loro componenti” afferma la Dr.ssa Monia Santini, referente scientifico per la Fondazione CMCC delle attività che saranno svolte nell’ambito dell’Accordo.  “Il concetto One Health parte dal riconoscimento che la salute degli ecosistemi, degli animali e dell’uomo sono strettamente connesse tramite relazioni complesse e ancora difficili da capire nella loro totalità, come suggeriscono anche alcuni studi preliminari sull’esplosione dell’attuale pandemia. Inoltre, tali interazioni non sono costanti ma possono evolvere in un contesto ambientale che si modifica rapidamente, con variabilità climatica ed eventi estremi sempre più accentuati”.  Santini è Direttrice del polo di Viterbo della Divisione Impacts on Agriculture, Forests and Ecosystem Services del CMCC.  “Grazie a questo Accordo, la notevole mole di dati che la Fondazione CMCC produce, attraverso progetti e iniziative internazionali, riguardo al clima e agli impatti su risorse come vegetazione, suolo e acqua, nonché gli strumenti all’avanguardia adottati nell’analisi dei dati, possono ampliare e accelerare la conoscenza sulle interazioni alla base del paradigma One Health”.

 

L’accordo di collaborazione* stipulato con CMCC – dichiara il Dr. Ugo Della Marta, direttore generale IZSLT – nasce dalla reciproca vicinanza di obiettivi, abbiamo comuni campi di attività laddove i cambiamenti climatici producono effetti anche sulla salute animale e sulla produzione di alimenti. Questo accordo sigla il rinnovo di una partnership iniziata nel 2013, insieme abbiamo condotto progetti e avviato specifici programmi di formazione, aggiornamento e ricerca. I temi di approfondimento comune stabiliti in questo rinnovo di accordo sono la sostenibilità e l’impatto ambientale, la valorizzazione etica del rapporto uomo-animale, la salute e la sostenibilità degli allevamenti, l’economia circolare nelle produzioni zootecniche. Il nostro Istituto, coordinato per noi dalla Dr.ssa Sezzi, collabora in questo gruppo multidisciplinare nato dalla sinergia di competenze agronomiche, zootecniche, biologiche, chimiche, farmacologiche ed ecologiche. Lavoreremo insieme per sviluppare nuovi metodi di prevenzione e di tutela della salute una e unica per l’uomo, l’animale e l’ambiente e nello specifico per definire nuove misure di intervento utili ad assicurare un equilibrio tra cambiamenti climatici e gli allevamenti, le produzioni e il benessere degli animali.

*Accordo Quadro di Collaborazione “Sostenibilità, Economia Circolare e One Health”

Fondazione-CMCC

 

Contatti:
Dott.ssa Erminia Sezzi- U.O.T Lazio Nord/Viterbo
Tel 0761/250147
erminia.sezzi@izslt.it

Ciclo di incontri “Focus sulla conoscenza”: disponibili le prime presentazioni

Il ciclo di webinar “Focus sulla conoscenza” nasce come un momento di incontro e confronto su temi e argomenti di attualità prevalentemente nelle aree della sicurezza alimentare,  della sanità e benessere animale, della diagnostica di laboratorio e di  altri ambiti vicini.

Video di presentazione. 

L’11 marzo è stata inaugurata l’iniziativa con il seminario di R. Lorenzetti
Il ruolo dei batteriofagi nella lotta alle contaminazioni e alle infezioni batteriche”, a cui hanno partecipato circa 60 persone.

Il 25 marzo è seguito l’intervento di A. Carvelli “Il nuovo approccio alla bluetongue”, che ha toccato quasi i 150 partecipanti, data la tematica di elevato interesse.

G. Giacinti ha trattato l’8 aprile un argomento rilevante sotto i profili zootecnico e sanitario, “Asciutta selettiva nella vacca da latte: aspetti generali e applicazione in campo” anch’esso molto seguito.

Il 21 aprile ha registrato una grande partecipazione con quasi 200 persone collegate l’intervento di C.  Roncoroni dal titolo
“Classyfarm e le sue applicazioni in epidemiologia, benessere e consumo del farmaco”.

Il 5 maggio P. De Santis ha trattato l’argomento della “Sperimentazione animale”.

Scarica le presentazioni.

Prossimo appuntamento “Zecche e sanità pubblica”, il 19 maggio, collegamento dalle 14.15. Relatrice: Giulia Barlozzari, Sierologia, IZSLT.

 

Gli incontri sono aperti al personale esterno e interno all’IZS Lazio e Toscana appartenenti a tutte le figure professionali interessate.

Iscrizione  tramite mail a miram.colantonio@izslt.it. Circa uno-due giorni prima del seminario sarà inviato agli iscritti il link per il collegamento alla piattaforma.

 

Ciclo seminari Focus sulla conoscenza I semestre