Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

LEISHMANIOSI: approccio integrato uomo, animale, ambiente.

Venerdì  28 giugno,  si è svolta la giornata formativa “Leishmaniosi: gestione integrata Uomo-Animale-Ambiente”, l’evento,  nato da una consolidata collaborazione tra il CeMiVet e l’Istituto Zooprofilattico Lazio e Toscana,   con il supporto scientifico del Centro di Referenza Nazionale per le Leishmaniosi (IZS Sicilia), partner  dell’iniziativa si è tenuto presso il presso il Centro Militare Veterinario di Grosseto (CeMiVet)

L’incontro ha riunito esperti tra le diverse discipline professionali   con l’obiettivo di approfondire la complessa malattia parassitaria e integrare le diverse competenze. Sin dall’apertura delle iscrizioni, la giornata ha attirato grande attenzione e adesione, confermandosi come un importante momento di confronto e aggiornamento. Le presentazioni hanno stimolato un vivace dibattito in aula, affrontando temi cruciali quali la diagnosi, il monitoraggio, la cura e la prevenzione della malattia sia in ambito umano che animale, con un focus particolare sul ruolo del vettore.

L’ approccio multidisciplinare che integri salute umana, animale e ambientale è il metodo  essenziale per un efficace contrasto alla diffusione della leishmaniosi e per la tutela della salute pubblica. “La collaborazione tra diverse istituzioni e discipline è fondamentale per affrontare una sfida complessa come la leishmaniosi. Siamo orgogliosi di aver promosso un evento che ha permesso lo scambio di conoscenze e buone pratiche tra esperti di vari settori”, ha dichiarato Stefano Palomba, Commissario Straordinario dell’Istituto Zooprofilattico Lazio e Toscana.

Il ruolo cruciale del Centro di Referenza Nazionale per le Leishmaniosi (IZS Sicilia) è stato sottolineato come un elemento chiave. La collaborazione scientifica tra gli Enti coinvolti ha permesso di creare un programma formativo di alto livello, capace di affrontare la leishmaniosi da molteplici prospettive e di fornire ai partecipanti strumenti concreti per la gestione integrata della malattia.

L’iniziativa ha messo in luce l’importanza di una gestione integrata e collaborativa nella lotta contro la leishmaniosi, evidenziando come la sinergia tra istituzioni veterinarie, sanitarie e ambientali possa rappresentare la chiave per il successo nella prevenzione e nel controllo di questa malattia.

L’evento ha segnato un passo significativo nella collaborazione tra le diverse istituzioni coinvolte, ponendo le basi per future iniziative congiunte e per l’implementazione di strategie sempre più efficaci nella lotta contro la leishmaniosi.

L’Istituto è in prima linea per le collaborazioni, come ribadito dal Commissario Straordinario, Dr. Stefano Palomba, in numerose occasioni. Il successo di questa giornata dimostra chiaramente come la cooperazione tra enti possa portare a significativi progressi nella gestione delle malattie zoonotiche. Continueremo a promuovere iniziative di questo tipo per migliorare la salute pubblica e la qualità della vita, sia umana che animale.



Whatsapp Share
Skip to content