Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
management

Corso di formazione manageriale per un team di quattro Istituti Zooprofilattici. Si parte il 1 ottobre

Date: 1, 2 ottobre 2019, Parco di Migliarino San Rossore (Pisa); 25 ottobre 2019,  IZS Lazio e Toscana, Roma; 19 novembre 2019, IZS Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta , Torino ; 11 e 12 dicembre 2019,  IZS Lombardia ed Emilia Romagna,  Milano; 15 gennaio 2020, Scuola Sant’ Anna Pisa; 17 febbraio, IZS Umbria e Marche, Perugia; 9 marzo 2020, Scuola Sant’ Anna Pisa.

Organizzatori: Laboratorio Management e Sanità (MeS) della Scuola Superiore Sant’Anna in collaborazione con gli IIZZSS Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta,  Lazio e Toscana,  Umbria e Marche e  Lombardia ed Emilia Romana.

Programma I parte.

Sette colleghi per ognuno dei quattro istituti, selezionati dalle rispettive Direzioni,  condivideranno un percorso teorico esperenziale  diviso in due parti. La prima tra ottobre e dicembre, la seconda tra gennaio e marzo 2020, per un numero complessivo di  9  giornate, che si svolgeranno in forma itinerante nelle sedi dei quattro enti e presso la Scuola Sant’Anna di Pisa.

La finalità è quella di sviluppare e potenziare le competenze manageriali dei partecipanti con riferimento soprattutto a questi temi:

  • Costruzione e gestione dei gruppi di lavoro
  • Comunicazione efficace
  • Gestione del personale
  • Gestione delle risorse economico-finanziarie
  • Valutazione della performance nei servizi pubblici
  • Organizzazione e management per processi

Il valore aggiunto sarà dato dalle dinamiche di confronto costruttivo.

Si partirà il 1 ottobre con la metodologia formativa dell’outdoor training presso il Parco Regionale di Migliarino San Rossore (PI), con il quale si costruirà il team.

4 IBF Training course on buffalo management and industry (7-17 maggio)

Organizzato dall’International Buffalo Federation, di cui il Prof. Antonio Borghese è il segretario generale, , l’iniziativa è arrivata alla sua quarta edizione.

I lavori si apriranno il 7 maggio  presso il  CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria)  di Monterotondo, per poi proseguire in altre sedi, come l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, l’Associazione Italiana Allevatori (AIA), l’ ISPAAM (Istituto per il Sistema Produzione Animale in Ambiente Mediterraneo), alcune aziende zootecniche e un centro tori.

Saranno trattati tutti gli aspetti dell’allevamento della specie bufalina, tra cui la genetica, la sanità, l’ambito zootecnico-produttivo, la riproduzione e l’economia.

I numerosi relatori provengono da diverse realtà, tra cui l’ Università, gli  Istituti Zooprofilattici, l’ISPAAM, il CREA e l’ AIA.

Il 9 maggio il corso si terrà presso l’IZS Lazio e Toscana, dove  esperti dell’Istituto tratteranno  aspetti relativi alle malattie infettive del bufalo, con particolare riferimento alla brucellosi  e al latte e derivati.

Programma.