Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

20 maggio: la Giornata Mondiale delle Api. IZSLT partecipa alla giornata di Ispra e collabora con la FAO nella stesura del nuovo manuale sulle Buone Pratiche Apistiche presentato dall’Agenzia delle Nazioni Unite.

Il 20 maggio si celebra la Giornata Mondiale delle Api. La ricorrenza, istituita nel 2017, ha l’obiettivo di stimolare l’opinione pubblica, la politica e la ricerca sull’importanza degli impollinatori la cui rarefazione o scomparsa può portare a gravi conseguenze,  sia per gli equilibri ecosistemici che per l’approvvigionamento di alimenti dipendenti dall’impollinazione.

3000 anni fa, il miele era considerato purificante, vermifugo e cicatrizzante e   i Romani, che ne importavano grandi quantità, lo usavano come dolcificante e conservante. Oggi abbiamo il dovere morale oltre che scientifico, con i mezzi all’avanguardia a disposizione, di salvaguardare e proteggere la salute di questi piccoli speciali insetti e garantire la qualità del prodotto dell’alveare attraverso le analisi di laboratorio per consegnare al consumatore la tranquillità di un Buon Miele sano fatto da un’ape in salute.

L’uso di pesticidi in agricoltura e l’inquinamento, hanno provocato una riduzione numerica di questi insetti.  Il problema è serio perché le api hanno un ruolo importantissimo nel mantenimento della biodiversità e nell’equilibrio della natura.  La produzione del miele è un ottimo motivo per salvaguardarle, ma non l’unico.

Tanta attenzione dedicata al  4° WorldBeeDay e diverse le manifestazioni e gli eventi organizzati per la giornata. Tra queste, la tavola rotonda di ISPRA che ha visto il coinvolgimento “a distanza” di esperti sul tema,  Lorenzo Ciccarese (ISPRA), Beti Piotto (Coordinatrice della Commissione Scienze Biologiche della Red de Cientìficos Argentinos en Italia), Valter Bellucci (ISPRA), Aristide Colonna (Presidente Associazione Italiana di Apiterapia), Francesco Campanelli (ISPRA), Giovanni Formato (IZSLT), Valerio Silli (ISPRA).

In questa occasione ISPRA ha presentato la nuova  pubblicazione della rassegna “Quaderni Natura e Biodiversità” dal titolo:  “Il declino delle api e degli impollinatori. Le risposte alle domande più frequenti”

La FAO, nella stessa giornata  ha lanciato il manuale pratico realizzato in collaborazione con il nostro Istituto,  per aiutare gli apicoltori a identificare e controllare correttamente le principali malattie delle api con le corrette informazioni  sulle buone pratiche apistiche e sulle misure di biosicurezza da sostenere per la salute delle Api.

Good beekeeping practices: Practical manual on how to identify and control the main diseases of the honeybee (Apis mellifera)



Whatsapp Share