Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
innovazione

“Innovatori di natura”. Quattro progetti innovativi per le aziende agricole toscane

Coldiretti ha organizzato venerdì 13 novembre, nell’ambito delle iniziative per l’economia circolare, il webinar  “Innovare per natura”, dove sono stati questi progetti:

  • “OLIMPOLLI MONTAGNANI: Aumento della produttività olivicola attraverso l’impollinazione assistita” 
  • “TINIA: Agricoltura di precisione per le PMI cerealicole
  • “IOCONCIV: Introduzione e ottimizzazione di tecniche e sistemi per il controllo non chimico della flora infestante nel vigneto

  • “GO-CARD: Cardo, una coltura a basso impatto ambientale per la riqualificazione delle aree marginali, progetto di cui è partner l’IZS Lazio e Toscana e che può essere approfondito in questo contributo scientifico.

 

 

 

L’attività di ricerca corrente presso l’IZS Lazio e Toscana: principali risultati e loro trasferibilità operativa” (Roma) – Disponibili le presentazioni

Data: 19 giugno 2019
Sede: IZS Lazio e Toscana, Via Appia Nuova, 1411 – Roma
Organizzatore: IZS Lazio e Toscana
Programma.
Presentazioni.

Sono stati presentati i risultati dei progetti di ricerca corrente conclusi dal personale dell’IZS Lazio e Toscana nel 2018, mettendo in particolare evidenza i risvolti applicativi nel contesto sanitario e agrozootecnico regionale (Lazio e Toscana) e nazionale.

I progetti di ricerca, in numero di nove, spaziano nelle aree dell’ambito veterinario (sanità e benessere animale e sicurezza alimentare), spesso correlate tra loro.

Sorveglianza sanitaria nei pesci autoctoni e ornamentali,  buone pratiche apistiche per ridurre la prevalenza delle malattie denunciabili delle api, metodi biomolecolari per la sorveglianza di Aethina tumida in apicoltura, sistema di monitoraggio/sorveglianza (MOSS) e di allerta rapida in sanità animale  a livello di macello e benessere nella specie ovina,  sono stati i principali argomenti delle ricerche presentate nell’ambito della sanità e benessere animale.
Nell’area sicurezza alimentare  sono stati esposti i risultati di progetti su caratterizzazione e valorizzazione delle produzioni “minori” bufaline laziali, sulle produzione casearie da filiera corta e sulla comunicazione educativa del rischio alimentare.

Disponibili le presentazioni delle ricerche.