Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Tirocinii e frequenze dell’Istituto

Avviso (15 maggio 2020) : a causa dell’emergenza “coronavirus”, tutte le forme di frequenza dell’Istituto a scopo formativo (tirocinii curriculari e non, frequenze volontarie, “Erasmus”, “Torno subito”, Alternanze Scuola – lavoro) sono  sospese a data da destinarsi e non sono previste modalità sostitutive come attività a distanza, lavoro agile, smart working o simili

 

LINEE GUIDA

FREQUENZA DEI LABORATORI e UFFICI DELL’ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI DA PARTE DI TIROCINANTI E VOLONTARI

Le linee guida tracciano schematicamente le modalità di accesso alla frequenza a scopo  formativo dei laboratori e degli uffici dell’IZS Lazio e Toscana (da ora denominato “Istituto”). sotto forma di tirocinii curriculari (A) e di frequenze a titolo volontario (B)

La frequenza è possibile esclusivamente presso le sedi dell’Istituto nel Lazio e nella Toscana.
E’ possibile svolgere attività formative fuori dall’Istituto (es. sopralluoghi in aziende) quando l’assicurazione stipulata le comprenda

A) TIROCINIO CURRICULARE

Rientrano in questa categoria coloro che frequentano Università, Istituti di Istruzione secondaria superiore, enti e associazioni riconosciuti, scuole professionali, scuole di specializzazione, per i quali è previsto un periodo di tirocinio obbligatorio.

 

Soggetti coinvolti

– Tirocinante

– Ente promotore (Università o Istituti di Istruzione secondaria superiore)

– Ente ospitante (Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana)

– Tutor universitario: è responsabile delle attività didattico-organizzative e della applicazione della convenzione; ha anche la funzione di raccordo tra l’Università e l’Ente ospitante

– Tutor aziendale: è responsabile della realizzazione del piano formativo e dell’inserimento e affiancamento del tirocinante per tutta la durata del tirocinio

 

Definizioni

Convenzione
la convenzione è l’atto formale che stabilisce il rapporto tra l’Ente promotore e l’Ente ospitante indispensabile all’attivazione del tirocinio

Progetto formativo
Il tirocinio viene svolto sulla base di specifico progetto formativo individuale sottoscritto dal soggetto promotore, dal soggetto ospitante e dal tirocinante. Il progetto formativo riporta gli obiettivi e la modalità di tirocinio, i nominativi dei tutor e  i dati anagrafici del tirocinante

Assicurazione
E’ necessaria un assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e di responsabilità civile da stipularsi  dall’Ente promotore

Sorveglianza sanitaria
La Sorveglianza Sanitaria è assicurata dall’Ente promotore attraverso protocollo di analisi e visita preventiva da parte del Medico competente, secondo quanto previsto dal D.L.vo 81/2008.

 

Modalità

 

  1. Fase preliminare
  • Il candidato compila il modulo N 1 Modulo candidatura frequenza IZSLT e lo trasmette alla mail formazione@izslt.it dell’Ufficio Formazione (FOD);
  • l’Ufficio Formazione verifica la presenza della convenzione tra l’Istituto e l’Università di appartenenza del richiedente ;
    Qualora la convenzione non fosse in essere o fosse scaduta, dovrà essere stipulata o rinnovata

2. Con convenzione attiva:

  • FOD verifica la disponibilità del laboratori/uffici dell’Istituto ad accogliere il richiedente ;
    • In caso favorevole FOD richiede all’interessato
    • la stipula di un assicurazione contro infortuni e per responsabilità civile;
    • l’effettuazione, con esito favorevole, della visita preventiva di sorveglianza sanitaria
      (art. 41 del Decreto legislativo n. 81, 9 aprile 2008
    • compilazione da parte del candidato del N. 2 Modulo domanda di frequenza e invio alla mail formazione@izslt.it per la firma del Direttore Generale

3.  Progetto formativo:

l’elaborazione del progetto formativo e trasmissione alle parti interessate sono regolate dalle disposizioni delle singole Università ( es. piattaforme specifiche)

4. Presenze:

nel corso del tirocinio il tutor aziendale verifica l’andamento del percorso formativo e controfirma le presenze del tirocinante nell’apposito libretto universitario

5. Qualità percepita

al termine del tirocinio l’interessato potrà esprimere un giudizio di qualità sui diversi aspetti del percorso affrontato in una scheda di qualità percepita fornita dall’ufficio FOD.

     

B) FREQUENZA A TITOLO VOLONTARIO

Rientrano in questa categoria soggetti in possesso del titolo di studio di laurea triennale, magistrale, specialistica o vecchio ordinamento e, per alcuni profili professionali, del diploma di scuola media superiore.
La frequenza, a scopo esclusivamente formativo, si espleta in  attività di base negli ambiti tecnico-sanitario o amministrativo a titolo spontaneo e gratuito.

Durata della frequenza:
massimo 6 mesi rinnovabili ad altri 6

 

Modalità
  1. Il candidato compila il modulo N 1 Modulo candidatura frequenza IZSLT e lo trasmette alla mail formazione@izslt.it dell’Ufficio Formazione (FOD);
  2. FOD verifica la disponibilità del laboratori/uffici dell’Istituto ad accogliere il richiedente;
  3. In caso favorevole FOD richiede all’interessato:                                                                                                                                                                                 – la stipula di un’ assicurazione contro infortuni e per responsabilità civile;                                                                                                                                    – l’effettuazione, con esito favorevole, della visita preventiva di sorveglianza sanitaria (art. 41 del Decreto legislativo n. 81, 9 aprile 2008) effettuata da un medico competente;

4.  Compilazione da parte del candidato del modulo N. 2 Modulo domanda di frequenza e invio alla mail formazione@izslt.it per la firma del Direttore Generale;

5.  L’interessato compilerà durante la frequenza la scheda presenze (modulo n. 3), fornita da FOD, contro firmata dal tutor;

6.  Al termine del periodo di frequenza l’interessato  potrà esprimere un giudizio di qualità sul percorso formativo in una scheda di qualità percepita consegnata dall’Ufficio FOD

Sarà rilasciato un attestato a conclusione del periodo di frequenza.