Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri
novel food

ENEA. Allevamento di insetti per la produzione di farine proteiche

Il Centro Ricerche ENEA della Trisaia (Matera) sta sperimentando come ottenere nuove farine ad alto valore nutraceutico da insetti.

 Un team di ricercatori è riuscito ad “allevare” con scarti alimentari e cerealicoli un coleottero noto come “tarma della farina” – il Tenebrio molitor” – per  ricavarne farine proteiche utili per la produzione di mangimi animali ma anche nuovi prodotti per l’alimentazione umana (novelfood).

“L’allevamento di insetti con sottoprodotti dell’industria agroalimentare risponde pienamente ai principi dell’economia circolare: partendo quindi dalla crusca – l’alimento principale del Tenebrio molitor – siamo riusciti ad ottenere nuovi prodotti dal maggior valore aggiunto”, evidenzia l’entomologo ENEA Ferdinando Baldacchino.

Articolo completo: ENEA .

“Novel Food” – Cosa sono (EFSA)

Nuovi tipi di alimenti arrivano sulle nostre tavole.
L’aumento della globalizzazione, la crescente diversità etnica e la ricerca di nuove fonti di nutrienti sono i fattori chiave.

Secondo le normative UE, qualsiasi alimento che non sia  stato consumato “in modo significativo” prima del maggio 1997 è considerato un nuovo alimento.
La categoria comprende nuovi alimenti, alimenti da nuove fonti, nuove sostanze utilizzate negli alimenti, nonché nuovi modi e tecnologie per la produzione di alimenti.

Esempi includono olio ricco di acidi grassi omega-3 di krill come nuova fonte di cibo, fitosteroli o steroli vegetali come nuova sostanza o nanotecnologia come nuovo modo di produrre cibo.

La nozione di “novel food” non è nuova.
Nel corso della storia nuovi tipi di alimenti, ingredienti alimentari o modi di produrre cibo hanno trovato la loro strada per l’Europa da tutti gli angoli del globo. Banane, pomodori, pasta, frutta tropicale, mais, riso, una vasta gamma di spezie – originariamente arrivarono in Europa come nuovi cibi. Tra i recenti arrivi ci sono semi di chia, cibi a base di alghe, frutti di baobab e physalis (arachidi peruviane o alchechengio).

Vedi il filmato EFSA