Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

DIREZIONE OPERATIVA DIAGNOSTICA GENERALE



Antonio Battisti

  • Responsabile: Dott. Antonio Battisti
  • Tel. +39 06 79099460
  • Fax +39 06 79340724

AREE DI COMPETENZA /ATTIVITA’

  • Diagnosi molecolare, colturale, microscopica di malattie ad eziologia batterica, micotica e protozoaria in matrici biologiche animali ed ambientali delle produzioni primarie, degli animali selvatici e da compagnia. Diagnosi attraverso test immunoenzimatici (es. ELISA Ag)
  • Attività di identificazione/tipizzazione molecolare di agenti di malattia ad eziologia batterica, micotica, protozoaria.
  • Attività di Ricerca correlata ai settori delle suddette malattie.
  • Diagnostica relativa alla sensibilità ai chemioantibiotici ed attività di monitoraggio, sorveglianza e ricerca dell’antibioticoresistenza in batteri di origine animale e batteri zoonosici (attività svolte presso il Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza (CRAB), National Reference Laboratory for Antimicrobial Resistance (NRL-AR, Reg. 882/2004/EC).
  • Consulenza ed expertise verso Regioni Lazio e Toscana, Ministero Salute, EFSA, EU Commission nelle attività di competenza.

LABORATORI

Laboratorio microbiologia, micologia e gestione microrganismi di riferimento 

  • Diagnosi colturale, microscopica, molecolare ed immunoenzimatica di malattie ad eziologia batterica, micotica e protozoaria in matrici biologiche animali ed ambientali delle produzioni primarie, degli animali selvatici e da compagnia.
  • Esecuzione di Test di sensibilità ai chemioantibiotici.
  • Esecuzione di esami di laboratorio per i Piani di sorveglianza Nazionali nelle produzioni primarie, nell’ambito dei territori di competenza.
  • Gestione della collezione dei microrganismi di riferimento dell’Istituto.
  • Attività di consulenza ed assistenza a veterinari del Servizio Sanitario Nazionale, veterinari liberi professionisti ed allevatori.

Laboratorio Agenti Zoonosici Speciali

  • Diagnostica, ricerca diretta e studi di caratterizzazione anche con metodi biomolecolari di agenti infettivi (batterici , micotici e parassitari) con particolare riferimento a tubercolosi, brucellosi, carbonchio ematico, tularemia, clamidiosi, coxiellosi/Febbre Q, morva, yersiniosi, infezioni da MRSA, da Escherichia coli verocitotossici e da altre malattie zoonosiche.

Centro di Referenza Nazionale per l’Antibioticoresistenza (CRAB) 

  • Realizza attività di consulenza ed expertise verso Ministero Salute, EFSA, EU Commission nelle attività di competenza del CRN e NRL-AR.
  • Esegue prove di laboratorio per scopi “diagnostici” clinici e di conferma al fine di orientare correttamente la terapia antibiotica (livello: casi) e favorire l’uso responsabile e razionale degli antibiotici nella pratica veterinaria (livello: popolazione)
  • Realizza Ring trial annuali con la rete degli IIZZSS.
  • E’ attivo nel settore della Ricerca scientifica, e ha coordinato, partecipato/ partecipa a Progetti di Ricerca nazionali e Europei.
  • Ha pubblicato numerosi articoli scientifici originali su riviste internazionali peer-reviewed.
  • Promuove l’approccio valido e razionale dei test di sensibilità agli antibiotici (c. d. antibiogramma”) per l’attività diagnostica di “servizio”, specialmente tra gli IIZZSS.
  • Promuove  il principio che la diagnosi eziologica (agente/i responsabili della malattia) individuale e di gruppo, è il caposaldo dell’approccio al controllo/terapia/etc. delle malattie infettive.
  • Mette a disposizione e a vantaggio di IIZZSS, di veterinari pratici/clinici e dei veterinari pubblici un pratico vademecum che propone l’utilizzo di panel “ragionati” di molecole antibiotiche da testare, che siano rappresentative di varie classi e subclassi utilizzate in Medicina Veterinaria.
  • Collabora con il Ministero della Salute, per le parti di competenza, alla stesura ed all’aggiornamento delle Linee Guida “Biosicurezza ed uso razionale e corretto degli antibiotici in zootecnia”