Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Approccio alla gestione degli incidenti, delle emergenze e delle crisi nel campo delle malattie trasmesse da alimenti – La documentazione

Roma, 26 giugno 2018.
Istituto Superiore di Sanità – Aula Pocchiari – V.le Regina Elena, 299
Programma.
Presentazioni dei relatori.

L’evento, programmato nella realizzazione del Piano di prevenzione della Regione Lazio tra le iniziative previste nel macroobiettivo 10. Attuare il Piano Nazionale Integrato dei Controlli per la prevenzione in sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria, ha registrato l’attiva partecipazione  di diverse istituzioni pubbliche della sanità umana e di quella veterinaria: Ministero della Salute, Regione Lazio, Istituto Superiore di Sanità,  INMI “L.Spallanzani,  Seresmi (Servizio regionale di epidemiologia, sorveglianza e controllo per le malattie infettive),  ARPALazio e  IZS Lazio e Toscana.

Dopo l’apertura dei lavori da parte di Umberto Agrimi, Direttore del  Dipartimento Sicurezza Alimentare, Nutrizione e Sanità Pubblica Veterinaria dell’Istituto Superiore di Sanità, Gaetana Ferri, Direttore della Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti del Ministero della Salute,  Marta Branca, Direttore Generale INMI  “L. Spallanzani, Doriana Antonella Giorgi, ARPALazio e Ugo Della Marta, Direttore Generale dell’IZS Lazio e Toscana, il programma si è articolato in tre sessioni:

I sessione: gestire l’emergenza;
II sessione: sorveglianza epidemiologia e clinica delle malattie trasmissibili di origine alimentare;
III sessione: il ruolo del laboratorio nel campo delle malattie trasmissibili di origine alimentare.

I numerosi e qualificati relatori,  professionisti delle diverse istituzioni organizzatrici e della Protezione civile nazionale, hanno trattato i diversi aspetti della tematica secondo il modello One health.

Nel periodo autunnale saranno realizzati altri eventi formativi e corsi teorico-applicativi, secondo quanto pianificato dal Piano di prevenzione della Regione Lazio



Whatsapp Share