Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Le allerte alimentari

La comunicazione dei rischi diretti o indiretti per la salute pubblica  legati al consumo degli alimenti e dei mangimi si basa su di un  Sistema di allerta rapido,  il RASFF. 

Il termine «rischio» è da intendersi come un rischio diretto o indiretto per la salute umana dovuto agli alimenti, ai materiali a contatto con gli alimenti o ai mangimi a norma del regolamento (CE) n. 178/2002 o come un grave rischio per la salute umana, la salute animale o l’ambiente dovuto ai mangimi a norma del regolamento (CE) n. 183/2005

Il RASFF è uno strumento importante dell’UE che permette un rapido ed efficace flusso di informazioni tra gli Stati membri per un corretto e puntuale intervento.

I membri della rete (uno Stato membro, la Commissione, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare e qualsiasi paese candidato, paese terzo o organizzazione internazionale che abbia stipulato un accordo con l’Unione europea) garantiscono il funzionamento efficiente della rete nel territorio soggetto alla loro giurisdizione.
Ciascun membro della rete designa inoltre  un punto di contatto che rappresenta il membro della rete.
La  Direzione generale  per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della Salute è il punto di contatto Italiano per il Sistema.

Le notifiche sono classificate in:

– notifiche di allarme

– notifiche di informazione

– notifiche di respingimento alla frontiera

Le notifiche sono trasmesse utilizzando i modelli forniti dal punto di contatto della Commissione.
Tutti i campi pertinenti dei modelli vanno compilati per consentire la chiara identificazione dei prodotti e dei rischi coinvolti e per fornire le informazioni disponibili sulla rintracciabilità.

Le notifiche di respingimento alla frontiera sono particolarmente importanti per i controlli eseguiti ai posti d’ispezione frontalieri e ai punti designati di entrata lungo i confini dello Spazio economico europeo. Se il prodotto oggetto di notifica è originario di o è distribuito in un paese terzo, la Commissione informa il paese terzo.

Le notifiche vengono trasmesse in tempo reale, per consentire un rapido ritiro di prodotti nocivi per la salute umana o animale.

Qualora sussista un rischio ritenuto particolarmente importante, il  ritiro immediato del prodotto puo’ essere accompagnato da comunicati stampa per informare i cittadini dei pericoli connessi all’ eventuale consumo dell’alimento oggetto dell’allerta.

La Commissione Europea ha istituito sul proprio sito uno spazio apposito per la consultazione on line delle notifiche settimanali, trasmesse dai paesi della comunità:

http://ec.europa.eu/food/food/rapidalert/index_en.htm

Altri Link

Ministero della Salute

Regolamento (CE) N. 178 2002

Regolamento (CE) N.16 2011