Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Il Sistema qualità dell’Istituto

Il Sistema qualità

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri ha organizzato la gestione di tutte le sue attività istituzionali secondo i principi della qualità, soprattutto della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura.

Il settore formazione dell’istituto si ispira alla norma ISO 9001:2008 UNI EN ISO 9001: 2008 Sistemi di gestione per la qualità. Requisiti  secondo la quale è certificato dal Cermet, Ente terzo di certificazione. (n. 4948-A), dal 2004.

La Direzione considera la Qualità una vera e propria strategia competitiva e parte della missione aziendale, inserendola come uno degli obiettivi principali da perseguire, come si evidenzia nella Politica della Qualità riportata nel Manuale della qualità dell’Istituto.

La qualità all’interno dell’Istituto, si traduce in un miglioramento continuo (ciclo di Deming) dei servizi resi in relazione alle esigenze del cliente e contemporaneamente alla riduzione dei costi, al fine di soddisfare i requisiti previsti dalla legislazione nazionale e comunitaria.

Gli attori

Il Sistema Qualità dell’Istituto è gestito presso la sede centrale di Roma (Ufficio di staff Qualità) e si avvale di figure professionali qualificate all’interno e all’esterno dell’ufficio che operano sulle due regioni (rete di professionalità):

  • Direttore generale: responsabile dell’attuazione ed applicazione del Sistema Qualità
  • Responsabile della qualità: delegato dal Direttore generale per le attività di applicazione
  • Referente della qualità: coordina le attività relative al Sistema Qualità della propria struttura
  • Verificatore interno: svolge gli audit interni presso le strutture dell’Istituto
  • Responsabile delle tarature: definisce i dei criteri relativi alla taratura/conferma metrologica di apparecchiature e strumenti
  • Incaricato del controllo di taratura e addetto alla taratura: svolge compiti relativi alla taratura di apparecchiature e strumenti.

La documentazione

Il sistema è regolamentato da una documentazione articolata nei seguenti documenti di definizione:

  • Manuale della Qualità (MQI): descrive a livello generale l’organizzazione,  i compiti e le responsabilità nell’Istituto;
  • Documento Organizzativo (DO): descrive l’organizzazione e le responsabilità in ogni struttura complessa;
  • Procedure gestionali (PG): descrivono le modalità operative e le responsabilità relative ad attività gestionali dell’istituto;
  • Procedure Operative Standard (POS): descrivono le  modalità operative e le responsabilità delle  prove di laboratorio e delle attività di supporto;
  • Istruzioni di lavoro (IL): descrivono le attività di supporto che non coinvolgono attività di prova e di taratura.

Fanno parte della documentazione del sistema qualità anche i documenti di registrazione (es. scheda registrazione delle temperature; scheda di addestramento)

L’accreditamento

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana M. Aleandri dal 1998  è accreditato dal SINAL, nel 2009 sostituito da  ACCREDIA (ente terzo dotato di mutuo riconoscimento internazionale), secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura.

ACCREDIA è un Ente Terzo che attesta la garanzia d’imparzialità e competenza tecnica dei  laboratori ad eseguire specifiche prove o determinati tipi di prova nella conformità della normativa di riferimento.

Per conoscere gli elenchi delle prove accreditate (in campo fisso e variabile) cliccare direttamente sulle sedi dell’Istituto qui di seguito riportate

In quest’ area è possibile visionare le Banche Dati dei nostri Laboratori accreditati da Accredia

Le prove accreditate sono sia in campo fisso che in campo flessibile.

L’accreditamento flessibile consente al laboratorio di gestire autonomamente l’accreditamento di nuove metodiche, sulla base di requisisti tecnici preventivamente valutati in campo fisso, consentendo all’Istituto di rispondere ad eventuali emergenze e/o richieste delle autorità competenti in ambito sanitario in tempi relativamente più brevi rispetto a quelli previsti dall’iter di accreditamento in campo fisso.

LINK DI RIFERIMENTO

ACCREDIA= Ente Italiano di accreditamento: www.accredia.it

UNI= Ente Nazionale Italiano di unificazione www.uni.com

ISO= International Organization for Standardization www.iso.org