Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Uova al Fipronil

Presenza di fipronil nelle uova, prodotti a base di uova, carne di pollame e prodotti trasformati: valutazione e gestione del rischio.

Cosa è il Fipronil?

Il Fipronil è un antiparassitario esterno autorizzato in Italia per il trattamento e la prevenzione dei parassiti cutanei del cane e del gatto. Non è autorizzato in nessun caso su animali utilizzati per l’alimentazione umana. In Europa è consentito per trattare sementi, e, in alcuni Paesi, anche come insetticida ambientale.

Come può arrivare nella catena alimentare?

Oltre all’uso fraudolento su animali vivi, la molecola può arrivare a contaminare le uova e le carni del pollame o di altre specie animali come conseguenza di usi diversi.
Tra le varie ipotesi che sono state fatte c’è la possibilità che:

  • alcune sementi trattate con antiparassitari, siano state usate in modo improprio come alimenti per gli animali;
  • li animali si siano contaminati tramite contatto con superfici (mura, pavimenti dei capannoni) trattate con l’antiparassitario per controllare gli artropodi infestanti, anche se non sembra che tale pratica sia normalmente effettuata in Italia;
  • alcuni operatori possano aver trattato, sempre fraudolentemente, dei mangimi per prevenirne l’infestazione da artropodi.
    Degno di nota è il riscontro che l’acquisto del prodotto, anche in quantità considerevoli, è possibile via Web

Quanto è tossico per l’uomo?

Il limite di concentrazione ammesso nell’Unione Europea nelle uova e nelle carni è di 0.005 mg/Kg (5 parti per miliardo) ed è praticamente uguale alla capacità degli strumenti analitici di rivelarne la presenza, proprio perché tale sostanza dovrebbe essere assente negli alimenti. In realtà la concentrazione in grado di provocare fenomeni tossici nell’uomo è molto più alta.

L’agenzia per la sicurezza alimentare belga ha effettuato una valutazione del rischio alimentare.E’ stata inizialmente esclusa la possibilità che si possa verificare un’intossicazione cronica, proprio a motivo della sporadicità e occasionalità della contaminazione (confermata da tutti i recenti controlli).

Per quanto riguarda la tossicità acuta, è stata calcolata dallo stesso Ente, la soglia di sicurezza tossicologica, sulla base dei seguenti parametri: concentrazione nelle uova/carni, consumo medio di uova/carne di pollo in EU, peso corporeo medio di un adulto e di un bambino, dose tossica per kg di peso corporeo indicata dall’Agenzia per la sicurezza alimentare (EFSA). Per calcolare la concentrazione potenzialmente tossica, è stato applicato un modello usato per lo stesso motivo nel caso degli altri pesticidi. E’ stato considerato il caso estremo, cioè il consumo da parte di un adulto di 5 uova o di 780 grammi di carne di pollo al giorno o da parte di un bambino di 2 uova o 180 g. di carne di pollo.

In base a questi calcoli, applicando lo scenario peggiore (massima concentrazione consentita, massimo consumo di uova e carne, potenziale consumatore in età pediatrica) la concentrazione critica risulta essere 0.72 mg/kg per le uova e 0.77 mg/kg per la carne di pollo.

Cosa si fa in caso di presenza?

Poichè il Fipronil deve essere assente, ogni positività viene segnalata all’Autorità competente, che provvede ad indagarne le cause e, se del caso, a denunciare i possibili responsabili.

Viene inoltre diramata un’allerta comunitaria quando si sospetta che la contaminazione possa essersi diffusa tra più Paesi dell’Unione tramite la catena commerciale.

Se la concentrazione riscontrata fosse superiore ai limiti di tossicità, gli Enti scientifici deputati alla sicurezza alimentare consigliano il richiamo dei prodotti della stessa partita dai consumatori finali.

L’attività di controllo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana(IZSLT)

L’IZSLT è impegnato nel controllo di laboratorio di campioni di uova e altre matrici (mangime il lettiera, l’acqua di abbeverata, prodotti trasformati, ecc.) per la ricerca del fribronil.
In tabella la sintesi dell’attività svolta e dei risultati ottenuti al 28 agosto

Ricerca di residui di Fipronil e Fipronil sulfone – Aggiornamento 28/08/2017
Uova Prodotti
Trasformati
Mangime Acqua
Abbeverata
Sostanza
Anonima
Totali 33 17 7 2 1
Refertate 33 16 1 1
in corso 0 1 6 1 1
Conformità 25 15 0 0 0
Non conformità 4 1 1 1 0
In attesa 4 1 6 1 1

 

Ente Prelevatore Num. Campioni
ASL Regione Lazio e Toscana 32
NAS 28

 


Aggiornamenti del Ministero della Salute