Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Alternanza scuola-lavoro: ringraziamenti all’IZS Lazio e Toscana

Lo scorso 6 giugno in occasione della cerimonia di presentazione delle attività svolte, l’Istituto L.go Brodoloni di Pomezia ha ufficialmente ringraziato l’IZSLT per la “fattiva collaborazione in merito alla realizzazione di attività finalizzate allo svolgimento di percorsi formativi di Alternanza Scuola-Lavoro”.

Ha ritirato l’attestato il dott. Stefano Saccares, responsabile del Centro Studi per la Sicurezza Alimentare dell’Istituto, che dal 2015, in collaborazione con l’Ufficio di Staff Formazione Comunicazione e Documentazione, gestisce i percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro presso l’Istituto per assicurare ai giovani l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro.

Con il decreto legislativo n. 77 del 2005 , sono stati attuati i percorsi di alternanza scuola lavoro presso istituti tecnici, professionali e licei e con la legge n.107 del 2015  sono stati organicamente inseriti nel piano triennale dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica come parte integrante dei percorsi di istruzione.

L’IZST ha aderito a questi progetti mettendo a disposizione degli alunni la professionalità e le competenze del personale dell’Istituto, oltre che le strumentazioni dei laboratori,

Dal 2015 ad oggi sono stati realizzati sei progetti di Alternanza Scuola-Lavoro, che hanno interessato quattro diversi istituti scolastici: il liceo scientifico V. Volterra di Ciampino, l’istituto di istruzione superiore L.go Brodoloni di Pomezia, il liceo scientifico I. Newton di Roma e l’istituto di istruzione superiore Rosselli di Aprilia.

Diversi sono stati i laboratori che all’interno dell’IZSLT hanno partecipato all’iniziativa ed è soprattutto a loro che va il ringraziamento dei dirigenti scolastici, dei professori e degli studenti per aver reso possibile una tale collaborazione.

Risultato che tutti auspicano è ridurre quel “gap” esistente tra formazione e lavoro che può fare la differenza per gli studenti di oggi.