Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana M. Aleandri

Delfino nell’Arno a Pisa: si preparano le operazioni per accompagnarlo in mare

Dal 31 dicembre il solitario  tursiope nuota nell’Arno, a Pisa, nelle acque cittadine.

Probabilmente la prossima settimana ci sarà un’ operazione congiunta con la partecipazione della capitaneria di porto, vigili del fuoco e croce rossa per tentare un accompagnamento del delfino verso il mare.
I biologi marini dell’Arpat e del Cetus, il coordinatore dell’Osservatorio toscano per la biodiversità, i nostri veterinari dell’Istituto zooprofilattico di Pisa ed esperti del settore spiegano alla stampa,  in un comunicato congiunto, quella che viene definita un’azione «estremamente complicata e delicata»,  curata nei minimi dettagli per favorire il suo ritorno in mare  senza arrecare stress all’animale .

Il delfino è stato costantemente monitorato, subito dopo i primi avvistamenti, ormai  più di due mesi fa.
Le sue attività rimangono piuttosto costanti: la modalità di nuoto, il ritmo respiratorio, riposo, alimentazione, anche se sulla cute del dorso sono comparse lesioni che si ipotizza dovute a traumatismi e complicazioni batterico/fungine.
Malgrado le forti piene,  nuota contro corrente  mantenendosi pressocché costante in un tratto dell’Arno compreso tra due ponti, – afferma  Giuliana Terracciano, veterinario della sezione di Pisa – e tutti gli interventi per tentare di riportare il tursiope alla foce sono in questo momento legate alle condizioni metereologiche,  non buone in questi giorni,   che  potrebbero compromettere la riuscita   dell’intervento.